Rilevazione fumi:

Gli impianti per la rilevazione d’incendio sono progettati con lo scopo di prevenire la fase esplosiva delle fiamme; con un buon impianto di rilevazione fumi, o di calore possiamo riconoscere il problema durante la iniziale fase d’incendio, la fase più lunga, EVITANDO IL PROPAGARSI DELL’INCENDIO.

I sistemi di rivelazione incendi sono impianti in grado di individuare nel minor tempo possibile lo svilupparsi di un principio di incendio e comunicarlo all’utente con segnalazioni ottico acustiche e qualora lo si voglia inviando una chiamata o sms all’utente interessato e/o ai vigili del fuoco. Questi sistemi hanno un ruolo sempre più importante negli edifici moderni e sono obbligatori negli edifici pubblici ed in molti edifici privati adibiti a lavorazioni con particolari rischi.

Un sistema di rilevazione fumi è costituito da una centralina elettronica di controllo e gestione apparati,attiva 24 h, a cui sono collegati particolari organi, sensori in grado di rilevare fumo, fiamma, calore, fughe di gas, oppure barriere di rilevazione fumo, e in caso di allarme la centrale aziona le varie segnalazioni a cui è collegata tipo tabelle di segnalazione incendio, sgancio di magneti porte, e chiamate telefoniche.

 
 
 

I sistemi di rilevazione incendio sono costituiti da:

• centrali di comando convenzionali o analogiche
• rilevatori di fumo lineari e puntiformi, termovelocimetrici e di fiamma
• targhe ottico-acustiche e campane per la segnalazione di allarme incendio
• sistemi di rilevazione fughe di gas in ambiente residenziale e industriale
• Sistema di alimentazione supplementare batteria a tampone in grado di garantire un efficienza per 72 ore


Le nostre centrali più sofisticate sono in grado di misurare costantemente il grado di efficienza dei sensori e richiederne un intervento di pulizia evitando il rischio dei falsi allarmi.

Ricordando che il controllo semestrale è (obbligatorio per Legge ).

Scarica qui il PDF delle normative dei Vigili del Fuoco sulla rilevazione incendi